Reparto Corse Lancia | Gianni Tonti - Reparto Corse Lancia
Gianni Tonti - Autore - Reparto Corse Lancia
gianni tonti, giovanni tonti, direttore lancia, lancia fulvia, lancia stratos, lancia 037
24
page-template-default,page,page-id-24,page-child,parent-pageid-58,ajax_updown_fade,page_not_loaded


 

«Gino Gotta, Angelo Garzoglio e Mike Parkes, i ricordi più profondi sono spontanei, non li cerchi nell’archivio della tua memoria, appaiono improvvisi e esplodono nella tua mente. Sono entrato nella biblioteca dei miei ricordi degli anni Stratos e sono apparsi tre volti che sono sempre rimasti con me».

Giovanni Tonti, nato a Cesara in provincia di Novara il 1 Luglio 1942, sposato con due figli. La sua è una lunga storia, con una lunga carriera iniziata con in mano un diploma di Tecnico Disegnatore Meccanico e un diploma di Perito Industriale in Elettronica. Per oltre vent’anni, a partire dal 1960, è stato alla Lancia di Borgo San Paolo a Torino, prima nel dipartimento motori, dove acquisisce esperienza nei reparti di allestimento e revisione motori, poi nelle Sale Prova Motori.

Ed è proprio grazie a questa esperienza che gli viene affidato l’incarico di curare la nuova struttura del Reparto Corse Lancia, in grado di costruire i motori in casa, ed elaborare ed assistere le vetture in gara. Ed ecco la svolta: diventa Direttore Tecnico della squadra Corse HF.

Tra il 1967 e il 1984 i successi sono innumerevoli,  il primo Campionato Mondiale Rally la Lancia lo vince nel 1972 con la Fulvia HF. Da questo momento in poi, la sua carriera non fa altro che collezionare successi; il più grosso, sicuramente è la partecipazione, nel progetto Lancia Stratos, che diventerà la vettura Rally più prestigiosa e titolata di tutti i tempi.

Vincerà infatti ben cinque Rally di Montecarlo e tre volte i Campionati del Mondo. Nel 1977, la Fiat unifica l’attività sportiva Lancia e Fiat, presso lo stabilimento Abarth di Torino, dove Gianni Tonti continua essere il Direttore Tecnico del Marchio Lancia, ottenendo nei Rally vittorie Mondiali, prima con la storica Lancia 037 e poi con la Delta 4WD. Nel 1979, inizia l’attività in pista della Lancia, gli viene affidata interamente la responsabilità della progettazione e della realizzazione delle sport-prototipi. Anche questa specialità è coronata da successi, con tre Campionati Mondiali Marche vinti tra il 1979 e il 1983.

Le vetture realizzate sono: Lancia Montecarlo Turbo Silhouette, Lancia Sport LC1 e Lancia LC2 gruppo C. Nel 1984, il grande salto in F1: infatti dal G. P. del Canada, è assunto all’Alfa Romeo come Direttore Tecnico dell’Autodelta, dove gli viene affidato l’incarico di sviluppare la monoposto per il Campionato Mondiale F1. In questa veste, dirige l’attività sportiva con i piloti Cheever  e Patrese (sul podio al G.P. di Monza), ed inoltre, proprio in questo periodo, vengono progettati e realizzati i motori F1: 8 cyl. Turbo 1500 cc    4 cyl. Turbo 1500 cc    10 cyl. a V di 3500 cc (il 1° motore 10 cilindri al mondo).

Con l’acquisizione dell’Alfa Romeo da parte di Fiat alla fine del 1986, l’attività sportiva lascia la F1 e si concentra in altre attività, tra le quali, la fornitura del motore 8 Cyl. Turbo per il Campionato americano Indy e la realizzazione Alfa 75 per il Campionato Mondiale Turismo e Alfa 155 per il Campionato DTM, vinto nel 1993.

Dopo una lunga carriera ricca di successi e sacrifici, a partire dal 1993, in collaborazione con l’ED. DOMUS, si dedica al suo ultimo grande progetto: la progettazione e costruzione dell’Automobile Safety Centre di Vairano (PV), la pista di prova di “Quattroruote”. Diventa Direttore delle piste e del Centro Prove di Quattroruote e in questa veste fonda la Scuola di GuidaSicura Quattroruote.