Reparto Corse Lancia | L’incredibile corsa – una storia vera diventata leggenda
reparto corse lancia, lancia, stratos, hf, italia, rally, fulvia, storia, supercar, automobili, collezionisti, leggenda, motori
591
product-template-default,single,single-product,postid-591,woocommerce,woocommerce-page,ajax_updown_fade,page_not_loaded

L’incredibile corsa – una storia vera diventata leggenda

L’incredibile corsa – una storia vera diventata leggenda

23,00

Autore: Mattia Losi
Anno: 10/2017
Testo: italiano
Formato: 14 x 21 x 2 cm
Pagine: 192
Foto: B/N
Copertina: cartoncino plastificato
ISBN: 978-2-9561369-0-3
Disponibilità: immediata


«In tanti mi hanno chiesto di raccontare il Montecarlo del  1972, ma scrivere non è il mio lavoro: così ho chiesto a un amico, Mattia, di farlo al mio posto. Ero certa che, in questo modo, avrei trasmesso tutte le emozioni che mi sono rimaste nel cuore. Non mi sono sbagliata» (Ariella Mannucci)

Disponibile

COD: 9782956136903 Categoria:

Descrizione

«Carissima Ariella,
la vittoria nel Rally di Montecarlo del 1972 non è stata solo un’impresa sportiva. Ha rappresentato il trionfo della volontà, della tenacia, del coraggio di non arrendersi quando tutto sembrava perduto. Ha ridato lavoro a centinaia di persone, costringendo la Fiat a riaprire le catene di montaggio della Fulvia. Ha regalato a migliaia di appassionati momenti di gioia e dolore, esultanza e preoccupazioni, sorrisi e lacrime fino all’ultimo momento. Fino al traguardo.
Nello scrivere “L’incredibile corsa” mi sono abbandonato alle emozioni. Ho chiuso gli occhi e sono salito sulla 14 con Sandro e Mario. Ho vissuto con loro le fatiche della gara, ho ascoltato le loro parole e i loro silenzi, ho condiviso il gelo del Burzet e il trionfo sul Turini.
Non ho scritto il solito libro di macchine: quella straordinaria impresa meritava molto di più. Così ho scritto ascoltando il cuore: perché anche chi non ha mai sentito parlare di rally si possa ritrovare, con le lacrime agli occhi, a leggere e rileggere una storia meravigliosa. A raccontarla ai propri figli e ai propri nipoti, perché nessuno la possa dimenticare.
L’ho fatto per Sandro e Mario, i campioni della mia vita. L’ho fatto per tutti gli uomini che hanno portato la Fulvia in cima al mondo. E l’ho fatto anche, con immenso affetto, sperando di regalare un lampo di felicità ai tuoi bellissimi occhi azzurri
». (Mattia)